Canzoni Rap deglli anni 90: storia e curiosità sui gruppi rap

Il rap è un termine che viene dalle parole Rhythm AND Poetry, è uno stile nato negli Usa alla fine degli anni 60 come espressione della cultura afroamericana e ora elemento di spicco della cultura moderna. Questo termine fu inventato dall’artista Joe Tex. Il rap è l’espressione vocale del fenomeno hip hop e si manifesta nel parlare andando a ritmo.

La parte vocale è eseguita dal MC ovvero il freestyler (o rapper) ed è accompagnata dalla parte musicale tramite il deejay, che si occupa del mix di dischi mossi rapidamente. Il rap consiste in sequenze di versi ritmati e fondati su rime baciate, assonanze e allitterazioni.

Il rapper scandisce questi versi in una successione di note (beat). Le tematiche di questi testi variano sempre. Dai primi anni 90 il rap è diventato parte importante delle classifiche e si è esteso in tutto il mondo, cambiando vari stili. Si annoverano artisti come Eazy E, Tupac, The notorius B.I.G, Eminem, Snoop Dogg, Jay Z tra i tanti, negli Stati Uniti soprattutto si trova vasta presenza di produzioni indipendenti.

Il rap non è solo cantare in rime ritmate, ma anche parte della cultura statunitense. Inizia a frammentarsi in generi: gangsta rap, hardcore, g’ funk e alternative rap per poi dividersi ulteriormente in sottogeneri. Per fare rap non serve essere intonati o saper cantare. Più che altro sono giochi di parole e scioglilingua, cantati o parlati, molto velocemente. Le principali fasi dell hip hop sono la Old School hip hop e la golden age hip hop, in cui inizio a riscuotere successi il movimento east coast. Negli anni 90 l’hip hop inizia a diversificarsi e a prendere forme più complesse. Si vedono tecniche più sofisticate come scratching e campionamenti, ma anche violenti scontri tra le due componenti gangsta, West coast e east. Si scontrano Tupac Shakur e notorious big.

Negli anni novanta si cerca pure di commercializzare il genere rap, da parte di personaggi come MC Hammer e Vanilla ice, come tentativo ha vita breve e l’hip pop torna alle origini, riscoprendo i suoni di generi come jazz e R/B, dando avvio a gruppi come Common, mos def, the roots, dream warriors, gli US3 e i gang Starr. 4 anni più tardi un rapper bianco, Eminem vendette più di 11 milioni di copie con il suo album The marshal mathers e vinse anche un grammy.

Il rap nato negli Stati Uniti, è diventato ora il genere più affermato alla pari degli altri. La vivacità lirica e i testi profondi si uniscono a melodie anche orecchiabili, per vendere di più e essere ballate nei locali. Nonostante tutto rimane sempre la versione più underground che fa pensare e interrogarsi sui tempi e sulla società, porta a diffondere idee e a farsi tramite di denuncia sociale. Avviene la spaccatura: rap commerciale e rap underground.  Il rap sara sempre legato a modi di pensare e vestirsi, parlerà di vita di periferia e di lotte tra gangstar rivali.

Alla fine degli anni novanta si diffonde nel rap il bling bling, ovvero il valore dato a simboli di ricchezza e a mezzi per elevarsi socialmente come denaro, gioielli e auto lussuose. Molti sono i riferimenti a questi elementi, in particolare nei testi di Puff Daddy e altri come i Cash money. Molti inneggiano a bling bling ma rimane sempre importante la parte underground, che critica questa tipologia di hip hop . Il rap underground critica l inneggiare a materialisto, soldi e fama.

Rap in Italia

Passando in italia si annoverano i famosi Articolo 31, Bassi maestro e Kaos one al nord. I sangue misto (neffa, deda e dj gruff)e uomini di mare al centro, Lou x al sud , tutti con stili propri e personali, ognuno con un porprio modo di fare rap. I sangue misto con l’album SxM faranno l’epoca dell hip hop in italia, album che sarà pietra miliare del genere, album dei pi

importanti. Il rap diventa cupo, i testi dalle rime incredibili. Nel 1993 gli articolo 31 entrano in classifica con il loro importante album Strade di città., che vendette quasi 100000 copie, Neffa nel 96 raggiunse una grande popolarità col lavoro corale I messaggeri della dopa.

La Golden Age

Comicia la fase GOLden age del rap italiano, rappresentata soprattutto da Joe cassano, un rapper tra i piu rappresentativi. Grazie al suo album Dio lodato nel 1999 divenne il pi

grande esponente della golden age del rap. Altri membri importanti furono Bassi maestro e i sotto tono. Nel 1994 gli articolo 31 fecero uscire l’album Messa di vespiri, con la traccia famosa Ohi Maria, due anni dopo diedero alla luce Cosi com’è, con i singoli anchessi molto famosi Tranqi Funky e 2030. Album importanti dell epoca furono Merda e Melma di Kaos One e Deda, sotto effetto stono dei Sottotono  e Novecentocinquanta di Fritz da Cat (un capolavoro del genere).  Troviamo anche Sindrome di fine millennio degli uomini di mare e di Fabri fibra e la Morte dei miracoli di Frankie i nrg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.