In vacanza sull’isola del Giglio: mini-guida e consigli

Nonostante la gran parte delle mete più belle del nostro bel Paese siano tutte località profondamente calate nel turismo di massa, ci sono ancora dei posticini in cui comunque vale la pena andare. L’isola del Giglio è uno di questi, in cui, anche in pieno agosto, molti turisti se ne vanno nel corso del pomeriggio dopo essere arrivati per una breve gita giornaliera. Questo permette di godersi appieno tutte le spiagge della piccola isola, a breve distanza dalla costa quindi facilissima da raggiungere.

Dov’è l’isola del Giglio e come la si raggiunge

L’isola del Giglio è una delle isole che si trovano di fronte alla costa toscana. In particolare è situata ad alcuni chilometri di distanza dall’Argentario. Stiamo quindi parlando di un tratto di mare particolarmente bello, che in estate attira moltissimi turisti da tutto il mondo. Per arrivare sull’isola si può approfittare dell’imbarco Toremar da Porto Santo Stefano, facilmente raggiungibile sia da Pisa, sia da Civitavecchia. Non esiste uno scalo aereo sull’isola, quindi è necessario arrivare a Porto Santo Stefano con altri mezzi. L’automobile può essere un’opzione di scelta, da ricordare però che sull’isola del Giglio ci si muove senza problemi anche a piedi, pur essendoci spazio per gli autoveicoli. Solitamente la gran parte di coloro che soggiornano sull’isola lasciano la propria automobile a Porto Santo Stefano, in un parcheggio custodito, e si godono le vacanze a piedi, o noleggiando occasionalmente uno scooter.

Cosa vedere all’isola del Giglio

Perfetta anche per un breve gita, l’isola del Giglio offre diverse opportunità per chi si vuole godere il sole e il mare in piena estate. Meta ideale per chi ama il trekking, sull’isola è presente ance un’ampia zona boscosa, così come un’area montuosa; per chi desiderasse dedicarsi all’attività sportiva, sono presenti numerosi sentieri che permettono di raggiungere praticamente tutte le minuscole spiagge dell’isola, per una giornata diversa dal solito. Nonostante le dimensioni ridotte, sull’isola del Giglio ci sono diversi centri abitati, tra i quali Giglio Castello è di certo il più interessante, anche perché non si trova sulla costa. Giglio Porto è invece l’attracco del traghetto, quindi la prima zona che si visita da turista. Il soggiorno è possibile in varie zone, approfittando soprattutto di bed & breakfast o di appartamenti in affitto. Le principali attrazioni sono di certo le spiagge, alcune raggiungibili solo a piedi o noleggiando un’imbarcazione.

Quanto fermarsi, come spostarsi

L’isola del Giglio è piccola, ma ricca di località pittoresche e di cose da fare. C’è chi arriva sull’isola in giornata, per una visita veloce, ma suggeriamo almeno un fine settimana, da trascorrere nella tranquillità, in piena estate o anche in primavera. Per chi ama il mare una settimana, o anche due, la primavera (o al massimo l’inizio dell’estate) è il periodo di soggiorno più indicato. Avere qualche giorno a disposizione infatti ci permette di vivere al meglio l’isola e di visitare anche le zone meno note o turistiche. Per spostarsi si può tranquillamente viaggiare a piedi, con uno scooter se serve andare più lontano, o anche con una piccola imbarcazione. Le strade sono presenti sull’isola e ci si sposta senza problemi anche in macchina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.