Come organizzare le vacanze in camper

Come organizzare le vacanze in camper

È sempre più comune vedere persone viaggiare in camper. Se vi riconoscete in questo profilo o se state pensando ad un viaggio in camper per la prima volta, ecco che qui troverete una piccola guida delle cose più importanti da tenere presente.

Affittare o comprare

Se ancora non hai un camper, potresti valutare sia l’affitto sia l’acquisto, soprattutto se sei intenzionato a fare più viaggi che ne prevedono l’utilizzo.

Per quanto riguarda l’affitto di un camper, il prezzo al giorno è di circa 100-200 euro, più circa 600 di cauzione, e alcune agenzie ti chiedono un minimo di giorni di affitto. Ora, se lo provi e ti piace l’esperienza, alcuni esercizi accettano il costo del noleggio come acconto nel caso in cui decidi di acquistare lo stesso veicolo. Affittare qualche volta un camper può essere un’opzione per provare se il modello soddisfa le nostre necessità e valutarne l’acquisto.

A proposito, la patente di guida di un camper dipende dal suo peso: la patente B è sufficiente per un peso inferiore o pari a 3500 kg, mentre la C1 è necessario se si supera tale carico.

Pianificare la rotta

Ciò che è essenziale per un viaggio in camper è guardare in dettaglio le fermate in aree di servizio. Queste sono la chiave per il rifornimento di benzina e acqua, e anche per passare la notte. La frequenza di tali pause dipende dal numero di passeggeri e dalla capacità di ciascun veicolo.

La maggior parte delle aree di servizio sono di solito comunali e a uso gratuito, ma ci sono anche aree private e spazi abilitati nei campeggi che possono essere utilizzati a pagamento.

Se ti preoccupa il tuo portafoglio, dovrai considerare l’esistenza o meno di pedaggi sulle autostrade che passerai. Su alcune rotte, il costo totale dei pedaggi può essere molto elevato, come in Francia, dove il sistema prevede una sovrattassa del 50% sulla tariffa normale per i veicoli che superano i due metri di altezza.

Al contrario, altri paesi come la Svizzera, l’Austria, l’Ungheria, la Slovacchia o la Repubblica Ceca dispongono di un sistema di pagamento tramite un’adesivo che potrai acquistare alla stessa frontiera e ti permetterà di viaggiare senza limitazioni.

Fortunatamente non tutti i paesi europei fanno pagare per utilizzare la loro rete autostradale, come ad esempio il Belgio, l’Olanda, la Germania, l’Irlanda, il Regno Unito, la Danimarca o la Svezia. Tuttavia, ciò non significa che, su determinati ponti o punti della rete, non si debba pagare un pedaggio.

Gestire il serbatoio di acqua

I camper hanno il grande vantaggio di avere tutti i tipi di comfort: cucina, letto, riscaldamento, divano, doccia, un buon bagno… Tuttavia, alcuni di questi elementi non sarebbero funzionali senza un serbatoio d’acqua. È fondamentale gestirla bene in modo che non finisca quando ne hai più bisogno. Il serbatoio ha la capacità di durare circa due giorni. Possiamo utilizzare le aree di servizio per riempire il contenitore ed è consigliabile portare un tubo e adattatori per diversi tipi di rubinetti.

Il lato meno affascinante del camper è quello di pulire e svuotare il serbatoio nelle aree abilitate, che si trovano in villaggi e campeggi. Queste non sempre si trovano facilmente, e a volte dobbiamo ricorrere ad altre soluzioni. Le acque grigie, che provengono dalla doccia e dal lavandino, possono essere versate perfettamente in una fogna. Le acque nere invece le possiamo svuotare (con attenzione) nel bagno di una stazione di servizio e informarci riguardo ai Camper Service (CS) lungo il nostro tragitto

Un altro consiglio per risolvere qualsiasi imprevisto, è quello di portare sempre una serie di accessori che sicuramente vi aiuterà a un certo punto del viaggio. Per esempio, un paio di bombole blu di una vita sono vitali per il gas. E parlando di energia, ti farà bene una prolunga di 25 metri con protezione termica. A proposito, se vai all’estero, non dimenticare un set di adattatori.

Anche se sembra inverosimile, ci sono camper che non portano la ruota di scorta, quindi assicuratevi di portarne una. Per questo motivo, e se sei perso per la montagna ancora di più, devi avere un cric idraulico a mano e una chiave a croce.

Dove parcheggiare e pernottare

Una delle questioni più importanti è dove parcheggiare e pernottare con il nostro camper maestoso. Se vogliamo solo parcheggiare, ci atterremo alle regole del traffico, perché siamo un veicolo come tutti gli altri, anche se siamo dentro a lavare le patate. Se non la lasciamo in campeggio, la cosa più consigliabile è di metterla in un parcheggio fuori città, e poi spostarsi con i mezzi pubblici per fare il turista per il centro. Di norma, nei centri urbani non lasciano circolare automobili di queste dimensioni.

Se abbiamo intenzione di accamparci, mettere la tenda con le sedie e il tavolo pieghevole, dovremo lasciarla nelle aree autorizzate. E a meno che non siamo persi per il deserto o la montagna, i campeggi sono di solito la scelta migliore per lo spazio, per la sicurezza e perché si dispone di bagni comuni.

Da Roma verso il resto del mondo

Parti da Roma come me? Goboony può essere una valida alternativa per viaggiare in Europa divertendoti al massimo! Su Trustpilot trovi moltissime recensioni positive dacci un’occhiata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.