In viaggio verso le Azzorre, le isole nell’Atlantico

Nonostante si tratti di isole che fanno parte, politicamente, dell’Europa, le Azzorre non sono ancora notissime come meta di viaggio nel nostro continente. Tra le isole del mondo le Azzorre sono di certo le più particolari, così immerse nell’oceano e sufficientemente lontane dalla costa da rendere il viaggio una piccola avventura. Il tutto rimanendo in Europa, visto che le Azzorre sono una regione autonoma del Portogallo; quindi, nonostante si trovino a più di 1300 km dal continente europeo qui la moneta è l’euro e si parla portoghese, una bella comodità per chi vi arriva dall’Italia.

Come arrivare alle Azzorre

Alle Azzorre si arriva solitamente in aereo, visto che sono molto ben servite, soprattutto per quanto riguarda i voli in partenza da Lisbona. In effetti la maggior parte dei turisti che scelgono questo tipo di mezzo di trasporto si fermano qualche giorno nella capitale portoghese, per apprezzarne le bellezze, per poi partire verso le isole lontane circa 1300 km dalla costa. Volendo sono disponibili anche crociere che fanno tappa alle Azzorre. Trattandosi di 9 isole, abbastanza distanti tra di loro, l’idea di raggiungerle via mare è decisamente vincente. Anche perché avvistandole dopo essersi allontanati dalla costa europea è un’emozione decisamente da provare, almeno una volta nella vita. Le crociere partono soprattutto dai porti della Spagna e del Portogallo, ma ci sono anche crociere nel Mediterraneo che si allungano fino alle Azzorre. Sono disponibili anche crociere più brevi, che salpano da uno dei porti sulle Azzorre per fare un tour di tutte le isole.

Cosa aspettarsi alle Azzorre

Il clima di queste isole è una tra le peculiarità di cui è importante tener conto. Nonostante il clima sia abbastanza caldo, con piccole escursioni termiche nel corso dell’anno, molti turisti preferiscono la stagione estiva per arrivare alle Azzorre. Il motivo è presto detto: le piogge; la posizione praticamente in mezzo all’atlantico offre infatti alle isole un clima fresco e molto variabile, soprattutto nei mesi che vanno da ottobre fino ad aprile/maggio. Anche nel resto dell’anno le piogge sono molto frequenti, ma decisamente meno rispetto ai mesi sopra descritti. Visto che le bellezze delle Azzorre sono soprattutto di tipo naturale, raggiungere le isole in un periodo con clima caldo e non eccessivamente umido è un’ottima decisione. Conviene ricordare che le carte di credito non sono accettate ovunque, meglio quindi prelevare contanti presso gli ATM, disponibili in diverse zone degli agglomerati urbani più grandi.

Cosa vedere alle Azzorre

La natura è di certo l’elemento preponderante su queste piccole isole; per altro è da notare che ogni singola isola è caratterizzata da una sua specificità. Sao Miguel è l’isola più grande e ospita alcune piccole cittadine, che ricordano molto per architettura il Paese di cui le Azzorre fanno parte, quindi il Portogallo. Non mancano comunque le zone naturali, in particolare il parco termale Poca da Dona Beija e il Lago di Furnas. Le Azzorre sono caratterizzate dalla presenza di vulcani spenti, con enormi crateri, come ad esempio il cratere di Sete Cidades. Le coste offrono panorami di rara bellezza, caratterizzati soprattutto da scogliere a picco sull’oceano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.